X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 17 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nullo l’accertamento con firma digitale e notificato a mezzo posta

Per la Commissione tributaria regionale di Napoli, decisiva la mancanza di firma autografa

/ Francesco BRANDI

Mercoledì, 19 giugno 2019

È nullo l’avviso di accertamento firmato digitalmente ma notificato a mezzo del servizio postale. Infatti, l’atto impugnato è da ritenersi privo di sottoscrizione e, dunque, nullo, posto che il Codice dell’amministrazione digitale (CAD) non si applica all’esercizio delle attività e funzioni ispettive e di controllo fiscale (art. 2, comma 6 del DLgs. 82/2005) e l’avviso di accertamento se firmato digitalmente deve essere inviato, secondo quanto previsto dal CAD, tramite PEC in un formato specifico.
Con questa motivazione la C.T. Reg. Campania, con la sentenza n. 3848/26/19, ha accolto l’appello presentato da un notaio annullando un avviso di accertamento emesso nei suoi confronti. È stata ribaltata la tesi dei giudici di primo grado che, in un’ottica ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU