X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 22 settembre 2019

FISCO

Se l’operazione precede l’ingresso nel forfetario niente nota di variazione

Resta la possibilità di richiesta di restituzione dell’IVA non dovuta nel caso di procedura infruttuosa

/ Luca BILANCINI e Antonio NICOTRA

Venerdì, 14 giugno 2019

Con la risposta a interpello n. 190, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il cedente che ha optato per il regime IVA “forfetario” non può recuperare, mediante la nota di variazione, dal cessionario in amministrazione straordinaria, l’IVA – soggetta alla liquidazione secondo la contabilità di cassa – non versata. Il cedente deve far concorrere nell’ultima liquidazione IVA in regime ordinario, l’imposta non incassata, versando il relativo importo, salvo presentarne all’Erario la domanda di restituzione ex art. 30-ter del DPR 633/72, qualora le fatture restassero insolute all’esito della procedura concorsuale. 

Nel caso in esame, il soggetto passivo optava (per il periodo d’imposta 2015) per la liquidazione dell’IVA ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU