X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 23 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Se l’atto non autorizzato non pregiudica i creditori il concordato è salvo

È esclusa la revoca automatica e l’imprenditore deve dimostrare la rispondenza dell’atto alle esigenze di realizzabilità del piano concordatario

/ Antonio NICOTRA

Mercoledì, 21 agosto 2019

In tema di concordato preventivo, i pagamenti eseguiti dall’imprenditore ammesso alla procedura ovvero gli atti di straordinaria amministrazione di cui all’art. 167 del RD 267/42, compiuti in difetto di autorizzazione del giudice delegato, comportano, ai sensi dell’art. 173 comma 3 del RD 267/42, la revoca dell’ammissione alla procedura, salvo che l’imprenditore ammesso al concordato dimostri, nel giudizio di revoca, che tali atti (sebbene non autorizzati giudizialmente) non siano pregiudizievoli per gli interessi dei creditori, essendo ispirati, al contrario, al criterio della migliore soddisfazione dei creditori, ovvero non siano diretti a frodare le ragioni di questi ultimi, non pregiudicando le possibilità di adempimento della proposta concordataria.

È questo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU