X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 16 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Decommercializzazione per gli enti assistenziali anche post riforma

Il decreto «crescita» convertito riammette tali associazioni alla disposizione di favore

/ Francesco NAPOLITANO

Giovedì, 11 luglio 2019

Gli enti che erogano prestazioni di tipo assistenziale tornano a far parte del novero dell’art. 148, comma 3 del TUIR, e, conseguentemente, i corrispettivi specifici da questi riscossi per lo svolgimento di attività in diretta attuazione degli scopi istituzionali non si considerano commerciali, con evidenti ricadute positive in termini di detassazione ai fini delle imposte dirette.
È questo, in estrema sintesi, il contenuto dell’art. 14 del DL n. 34/2019 (decreto “crescita”) nella sua versione definitiva dopo la conversione in legge (L. n. 58/2019).

La norma, di non immediata lettura, fa leva sulla modifica del citato art. 148 comma 3 del TUIR per poi proseguire con le modifiche sull’art. 89 del DLgs. 117/2017 (Codice del Terzo settore), che contiene numerose disposizioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU