X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 26 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Contributi per la badante deducibili anche se pagati col conto di terzi

L’unico soggetto che può portare in deduzione tali contributi è il datore di lavoro, se i pagamenti vengono debitamente documentati

/ Alice BOANO

Sabato, 20 luglio 2019

L’interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 278, pubblicato ieri, fornisce alcuni chiarimenti in relazione al regime di deducibilità dei contributi previdenziali versati all’INPS in relazione agli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale.

Il documento di prassi affronta il caso di un datore di lavoro che aveva versato i contributi INPS per la badante della suocera avvalendosi del conto intestato a quest’ultima. I pagamenti risultavano effettuati dall’anziana e, per tale ragione, il CAF in fase di compilazione del modello 730/2018 ne aveva escluso la deducibilità.

Si discute, quindi, dell’applicazione dell’art. 10 comma 2 ultimo periodo del TUIR, che dispone la deducibilità, fino ad un importo massimo di 1.549,37 euro annui, dei contributi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU