X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Deducibili le spese per l’istruttoria relativa alle sanzioni antitrust

/ Alice BOANO e Alfio CISSELLO

Lunedì, 19 agosto 2019

Manca, nel nostro ordinamento, una norma che regoli il regime di deducibilità delle sanzioni amministrative.

Con particolare riferimento alle sanzioni pecuniarie comminate dall’Antitrust (AGCM) per le violazioni della normativa sulla concorrenza, in giurisprudenza si è via via sempre più consolidato l’orientamento secondo cui le stesse non sono deducibili dal reddito d’impresa, in ragione del difetto del requisito di inerenza.
Questo indirizzo è prevalente presso il giudice tributario (Cass. 7 giugno 2017 n. 14137 e 22 maggio 2015 n. 10590) e la prassi (circ. Agenzia delle Entrate 26 settembre 2005 n. 42, circolare Min. Finanze 17 maggio 2000 n. 98). Esso si fonda principalmente sul rilievo che, diversamente opinando, verrebbe neutralizzata la ratio punitiva della penalità,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU