X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Incerto il ruolo del curatore quale difensore tributario

Il CCII rafforza i poteri del curatore ed amplia la legittimazione alla difesa tecnica

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 16 settembre 2019

Il DLgs. 14/2019, recante il Codice della crisi e dell’insolvenza (CCII), tra le numerose novità, ha rinvigorito il ruolo, le funzioni ed i poteri del curatore nella liquidazione giudiziale, che prenderà il posto – per i ricorsi depositati dal 15 agosto 2020 – dell’attuale procedura fallimentare.

Sotto il profilo della legittimazione ad agire in sede processuale, è previsto – al pari della disciplina vigente ex art. 31 comma 2 del RD 267/42 – che il curatore non possa stare in giudizio senza l’autorizzazione del giudice delegato, salvo che in materia di contestazioni e tardive dichiarazioni di crediti e di diritti di terzi sui beni compresi nella liquidazione giudiziale, e salvo che nei procedimenti promossi per impugnare gli atti del giudice delegato o del Tribunale e in ogni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU