X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 21 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Inespropriabili le quote di società di persone non liberamente trasferibili

La necessità del consenso unanime degli altri soci impedisce l’inserimento coattivo di nuovi soggetti

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Venerdì, 13 settembre 2019

La società di persone offre ai propri soci un aspetto protettivo spesso trascurato, non espressamente enunciato dalla legge ma ripetutamente sancito in sede giudiziaria: ci si riferisce al principio per il quale le quote di partecipazione al relativo capitale non possono essere assoggettate a pignoramento, atto di avvio della procedura di espropriazione forzata, almeno fino a quando non si verifichi il suo scioglimento.

La giurisprudenza che sposa tale tesi fonda le sue conclusioni su uno degli aspetti che maggiormente caratterizzerebbe la disciplina civilistica delle società di persone: ci si riferisce, in particolare, all’elemento fiduciario alla base del rapporto, così come codificato dall’art. 2252 c.c. (il c.d. “intuitus personae”), a norma del quale, se non convenuto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU