X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Denuncia per vendita di alcolici anche per gli avvii nel periodo intermedio

È obbligato anche chi ha avviato l’attività tra il 29 agosto 2017 e il 29 giugno 2019, quando cioè la disposizione era parzialmente abrogata

/ Lorenzo UGOLINI

Sabato, 21 settembre 2019

L’Agenzia delle Dogane, con la direttiva n. 131411 di ieri, ha fornito indirizzi applicativi dopo la reintroduzione dell’obbligo di denuncia fiscale per gli esercizi di vendita di prodotti alcolici.

L’art. 13-bis del DL 34/2019 (convertito, con modificazioni, dalla L. 58/2019) ha ampliato la platea di soggetti che devono denunciare all’Agenzia delle dogane l’attività di vendita di bevande alcoliche, ripristinando l’originario campo di applicazione dell’art. 29, comma 2 del DLgs. 504/95 (TUA).

Tale norma, così come modificata in precedenza dall’art. 1, comma 178 della L. 124/2017, aveva escluso gli esercizi pubblici, quelli di intrattenimento pubblico, gli esercizi ricettivi e i rifugi alpini dall’obbligo di denuncia di attivazione.
Dal 30 giugno ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU