X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 11 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Il vicepresidente del CdA può essere esonerato per giusta causa

Se la revoca è discriminatoria, va risarcito e reintegrato nel suo incarico

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 5 dicembre 2019

La Cassazione, nell’ordinanza n. 31660, depositata ieri, ha precisato che il vicepresidente del CdA può essere esonerato in presenza di giusta causa ex art. 2383 c.c.
Tale norma, infatti, è stata considerata rilevante anche in ipotesi di revoca delle deleghe interne al CdA (cfr. Cass. n. 7587/2016) e, in via analogica, è da ritenere applicabile altresì alla revoca dell’incarico di presidente o di vicepresidente; con la conseguenza che tali soggetti possono essere rimossi anche in mancanza di giusta causa, intesa come sussistenza di fatti che abbiano compromesso il rapporto di fiducia a monte del conferimento di tale incarico, salvo il risarcimento del danno.

Non sussiste giusta causa, tuttavia, allorché la revoca costituisca la risposta ad un’attività di difesa del principio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU