X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Effetti penali della «pace fiscale» in bilico

Secondo i giudici penali mancherebbe il requisito dell’integrale pagamento degli importi dovuti

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Martedì, 14 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La pratica professionale sta dimostrando negli ultimi mesi sempre maggiori difficoltà ad ottenere l’applicazione dei benefici premiali previsti sul fronte penale dagli artt. 13, e 13-bis del DLgs. 74/2000, per quei contribuenti che hanno aderito alla c.d. “pace fiscale”.

Infatti, secondo alcuni Tribunali penali, la “pace fiscale” (declinata nelle sue varie forme previste dal DL 119/2018) non costituirebbe una forma di “integrale pagamento degli importi dovuti”, tale da consentire l’applicazione della disciplina di favore recata nel DLgs. 74/2000.

Si ricorda che l’art. 13 comma 1 del DLgs. 74/2000 prevede che i reati di omesso versamento di ritenute (art. 10-bis), omesso versamento IVA (art. 10-ter) e indebita compensazione (art. 10-quater ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU