X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Rappresentanza diretta per i CAD anche in procedura domiciliata

Modificando il proprio orientamento, la Cassazione ha stabilito che non può essere imposta la rappresentanza indiretta

/ Lorenzo UGOLINI

Mercoledì, 15 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 417 depositata ieri, ribalta il proprio precedente orientamento, secondo cui i Centri di assistenza doganale (CAD) che operano in procedura domiciliata devono agire, in automatico, in regime di rappresentanza indiretta, rispondendo in solido con l’importatore dell’obbligazione doganale.
Con la pronuncia in commento, infatti, i giudici di legittimità hanno affermato il principio di diritto in forza del quale, nelle procedure semplificate di domiciliazione, i CAD possono operare in rappresentanza diretta.

Nel caso di specie, l’Agenzia delle Dogane aveva affermato la responsabilità solidale dello spedizioniere doganale per il solo fatto di aver agito in procedura domiciliata.
La procedura di domiciliazione (ora luogo approvato, artt. 139

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU