X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 24 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Incerto il rapporto tra diritti di credito e comunione tra coniugi

/ Cecilia PASQUALE

Sabato, 15 febbraio 2020

La formulazione dell’art. 177 comma 1 lett. a) c.c., a mente del quale costituiscono oggetto della comunione “gli acquisti compiuti dai due coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio, ad esclusione di quelli relativi ai beni personali” pone alcune criticità relativamente al significato da attribuire al termine “acquisti”.

In particolare, ci si chiede se cadano in comunione i crediti di cui un coniuge sia divenuto titolare nella vigenza del regime di comunione legale o se, invece, questi restino esclusi. Parte della dottrina e la prevalente giurisprudenza escludono i crediti dal novero degli acquisti ricadenti in comunione. La giurisprudenza, in particolare, ha costantemente affermato che la comunione riguarda solo gli acquisti intesi come atti che

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU