X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Regressione del concordato per la concessione del termine di 90 giorni

Il termine non è prorogabile e non soggiace alla sospensione feriale

/ Antonio NICOTRA

Venerdì, 29 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 9 comma 2 del DL 23/2020 (decreto “liquidità”), il cui Ddl. di conversione dopo il via libera della Camera è ora all’esame del Senato, ha riconosciuto, nei procedimenti di concordato preventivo e per l’omologazione degli accordi di ristrutturazione pendenti alla data del 23 febbraio 2020, la facoltà per il debitore di presentare, sino all’udienza fissata per l’omologa, un’istanza al tribunale per la concessione di un termine non superiore a 90 giorni per il deposito di un nuovo piano e di una nuova proposta di concordato ex art. 161 del RD 267/42 o di un nuovo accordo di ristrutturazione ex art. 182-bis del RD 267/42 (si veda “Escluso il termine per il nuovo piano e la nuova proposta dopo l’omologazione” del 27 maggio). ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU