X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il singolo condòmino può farsi carico dell’intera spesa dei lavori agevolati

La versione definitiva dell’art. 10 del DL 76/2020 convertito prevede importanti novità in campo edilizio

/ Stefano SPINA

Mercoledì, 16 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 10 del DL 76/2020 risultante dalla conversione con la L. 11 settembre 2020 n. 120 contiene importanti novità in campo urbanistico.
Innanzitutto, rispetto alla versione originaria, vengono incluse, tra le installazioni di manufatti leggeri e strutture considerate come “interventi di nuova costruzione” anche le tende e le unità abitative mobili collocate, anche in via continuativa, in strutture ricettive.

In secondo luogo viene introdotto, all’art. 23-quater del DPR 380/2001 l’“uso temporaneo” inteso come l’utilizzazione di edifici ed aree per usi diversi da quelli previsti dal vigente strumento urbanistico allo scopo di attivare processi di rigenerazione urbana, di riqualificazione di aree urbane degradate, di recupero e valorizzazione di immobili e spazi urbani dismessi o in via di dismissione e favorire, nel contempo, lo sviluppo di iniziative economiche, sociali, culturali o di recupero ambientale.

A tal fine occorrerà stipulare una apposita convenzione con il Comune per regolare, tra l’altro, la durata dell’uso e le modalità di utilizzo degli immobili.
All’art. 94 del DPR 380/2001 viene poi previsto il “silenzio assenso” per l’autorizzazione preventiva dell’ufficio tecnico della Regione all’inizio dei lavori in località sismiche.

Infine viene rimodulata la proroga per i permessi di costruire rilasciati o comunque formatisi fino al 31 dicembre 2020 prevedendo da un lato che rientrano nel perimetro anche i permessi per i quali l’amministrazione competente abbia già accordato una proroga ai sensi del comma 2 dell’art. 15 DPR 380/2001 e, dall’altro, che la proroga abbia efficacia di un anno per i termini di inizio dei lavori e di tre anni per l’ultimazione degli stessi.

Esaminando invece le conferme, di indubbio interesse risulta la norma che prevede, negli interventi di demolizione e ricostruzione, la possibilità di ricostruire l’edificio nei limiti delle distanze legittimamente preesistenti e non più rispettando quelle previste dal vigente piano regolatore. In tal caso gli incentivi volumetrici eventualmente riconosciuti per l’intervento possono essere realizzati anche con ampliamenti fuori sagoma e con il superamento dell’altezza massima dell’edificio mentre fino ad ora occorreva rispettare la coincidenza dell’area di sedime e del volume dell’edificio ricostruito con quello demolito, nei limiti dell’altezza massima di quest’ultimo.

Tale deroga, nelle zone omogenee A e nei centri e nuclei storici consolidati è consentita esclusivamente nell’ambito dei piani urbanistici di recupero e di riqualificazione particolareggiati di competenza comunale.
Inoltre, nell’ambito degli interventi di manutenzione straordinaria (di cui alla lett. b) del comma 1 dell’art. 3 del DPR 380/2001) sono comprese anche le modifiche ai prospetti degli edifici legittimamente realizzati necessarie per mantenere o acquisire l’agibilità dell’edificio ovvero per l’accesso allo stesso.

Continuando nelle modifiche si rileva che negli interventi di ristrutturazione edilizia (di cui alla lett. d) del comma 1 dell’art. 3 del DPR 380/2001) sono ricompresi quelli di demolizione e ricostruzione di edifici esistenti con diversa sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche con le innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica, per l’applicazione della normativa sull’accessibilità, per l’istallazione di impianti tecnologici e per l’efficientamento energetico.

Con la modifica dell’art. 9-bis del DPR 380/2001, ai fini della regolarità edilizia, si introduce la definizione di stato legittimo dell’immobile, intendendo per tale quello stabilito dal titolo abilitativo che ne ha previsto la costruzione o ne ha legittimato la stessa oppure da quello che ha disciplinato l’ultimo intervento edilizio, integrati con gli eventuali titoli successivi che hanno abilitato interventi parziali.

In merito alla regolarità costruttiva si segnala che il nuovo art. 34-bis, titolato “tolleranze costruttive”, prevede una difformità del 2% delle misure effettive rispetto a quelle concessionate nonché considera come “tolleranze esecutive” le irregolarità geometriche e le modifiche alle finiture degli edifici di minima entità, nonché la diversa collocazione di impianti e opere interne, eseguite durante i lavori per l’attuazione di titoli abilitativi edilizi, a condizione che non comportino violazione della disciplina urbanistica ed edilizia e non pregiudichino l’agibilità dell’immobile.

Infine, il comma 3 dell’art. 10 prevede la possibilità per ciascun partecipante alla comunione o al condominio di realizzare a proprie spese ogni opera relativa all’abbattimento delle barriere architettoniche di cui all’art. 2 della L. 13/89 ed al superbonus del 110% di cui all’art. 119 DL 34/2020.
Tale possibilità potrebbe sbloccare molti interventi di riqualificazione degli immobili ove, fruendo della detrazione maggiorata, un solo condomino voglia farsi carico dell’intera spesa.

TORNA SU