X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Peer to peer lending con ritenuta al 26% solo con autorizzazione di Bankitalia

Non è sufficiente essere un agente di un istituto di pagamento domiciliato nell’Unione europea

/ Salvatore SANNA

Sabato, 26 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risoluzione n. 56, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sui requisiti per l’applicazione della ritenuta a titolo d’imposta del 26% sugli interessi da prestiti erogati tramite piattaforme destinate a soggetti finanziatori non professionali (peer to peer lending).

Nel caso di specie, è stata analizzata la possibilità che tale piattaforma sia rappresentata da un soggetto estero che risulta gestito da un altro soggetto (domiciliato in Francia) che opera in Italia in qualità di agente di un istituto di pagamento estero.
Entrambi gli operatori non sono autorizzati dalla Banca d’Italia.

La legge di bilancio 2018 (L. 205/2017) ha introdotto la ritenuta a titolo di imposta del 26% sui prestiti peer to peer (P2P), con l’obiettivo di delineare una normativa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU