X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 18 giugno 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Lavoratori in smart working nel computo per la quota di riserva dei disabili

Il Ministero del Lavoro precisa che, diversamente dal telelavoro, non vi è una norma che escluda espressamente dalla base di computo i lavoratori agili

/ Mario PAGANO

Venerdì, 11 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I lavoratori che operano in regime di smart working devono essere computati nell’organico del datore di lavoro per la determinazione della quota di riserva prevista per il collocamento obbligatorio. Questo è quanto chiarito dal Ministero del Lavoro che, con l’interpello n. 3/2021, dando riscontro al Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del lavoro, ha preso in considerazione la possibilità di escludere i dipendenti in smart working dalla base di computo dell’organico aziendale, per la determinazione del numero dei soggetti disabili da assumere ai sensi della L. 68/1999.

L’art. 3 della medesima legge prevede che i datori di lavoro pubblici e privati siano tenuti ad avere alle loro dipendenze lavoratori appartenenti a particolari categorie, ossia soggetti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU