X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Nuove regole dal 2023 per i gruppi multinazionali

Ripartizione degli extraprofitti negli Stati dove beni e servizi sono utilizzati e tassazione minima del 15% secondo i due Pillar OCSE

/ Gianluca ODETTO

Giovedì, 22 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’approvazione, in sede G20, del nuovo sistema di tassazione delle grandi imprese multinazionali si aprono scenari di modifica sostanziale per la ripartizione del potere impositivo tra gli Stati; i nuovi criteri vanno ad adeguare e correggere il principio, da sempre in vigore, per cui i profitti non vengono assoggettati a tassazione all’estero in mancanza di una presenza in loco dell’impresa, formalizzata nella figura della stabile organizzazione.

L’accordo, formalizzato da apposito Rapporto dell’OCSE, è stato sottoscritto da 131 Stati e territori (nel frattempo divenuti 132), tra i quali spicca la presenza degli Stati Uniti d’America, assenti invece all’atto della sottoscrizione e dell’implementazione, nello scorso decennio, dei sistemi di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU