Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Riviste le condizioni per qualificare il concordato come in continuità

Evidente il favore rispetto agli strumenti liquididatori

/ Marco GREGGIO e Marco PEZZETTA

Sabato, 13 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il concordato preventivo in continuità aziendale nel Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (CCII) è stato profondamente modificato dal secondo decreto correttivo (DLgs. 83/2022). La portata “rivoluzionaria” delle novità si desume in primo luogo dalla rivisitazione del rapporto tra continuità e tutela del credito.

Nel testo antecedente, la migliore soddisfazione dei creditori rispetto alla liquidazione costituiva era condizione necessaria le cui ragioni erano esplicitamente dichiarate dal debitore e attestate dal professionista indipendente. Ora, invece, la continuità viene posta sullo stesso piano della soddisfazione dei creditori. L’art. 47, infatti, prevede che il tribunale apra il concordato preventivo in continuità verificata la (mera) “ritualità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU