Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per i contributi COVID non rileva il passaggio da attività d’impresa a professionale

/ REDAZIONE

Sabato, 6 agosto 2022

x
STAMPA

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta a interpello n. 419 di ieri, ha chiarito che non assume rilevanza il passaggio da attività d’impresa a professionale ai fini del contributo a fondo perduto di cui all’art. 1 comma 5 del DL 73/2021 (DL “Sostegni-bis”).

La questione riguardava un imprenditore individuale che ha ceduto il suo ramo d’azienda e ha variato la propria attività.
Anzitutto, viene chiarito che in caso di cessione di ramo d’azienda dell’impresa individuale, nel determinare l’ammontare del fatturato medio da porre a confronto per la verifica dei requisiti di accesso al contributo, occorre elidere le somme riferibili all’imprese ceduta.
Viene inoltre precisato che il passaggio dall’attività di impresa a quella professionale non determina alcun effetto sulle modalità di fruizione del contributo.

Pertanto, nel caso di specie, la riduzione del fatturato rispetto ai 12 mesi precedenti va determinata prescindendo dalla circostanza che l’ammontare del “fatturato e dei corrispettivi” sia riconducibile ad attività d’impresa ovvero ad attività di lavoro autonomo, senza tener conto di quanto realizzato dall’azienda oggetto di cessione nel periodo d’imposta 2020.

Sempre in tema di contributi a fondo perduto COVID, l’Agenzia ha pubblicato ieri anche le risposte a interpello nn. 414 e 415, aventi a oggetto la nozione di imprese in difficoltà e, nello specifico, l’esclusione dalle agevolazioni di soggetti falliti o nel caso in cui siano soddisfatte le condizioni previste dal diritto nazionale per l’apertura di una procedura concorsuale per insolvenza.

TORNA SU