ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

I turni di lavoro part time non sono a discrezionalità del datore

Se nel contratto manca l’indicazione della collocazione dell’orario, il giudice deve determinare le modalità temporali di svolgimento della prestazione

/ Giada GIANOLA

Martedì, 30 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

È illegittima, e comporta il diritto del lavoratore al risarcimento del danno, sia la mancata indicazione nel contratto di lavoro part time della collocazione temporale dell’orario lavorativo, sia la previsione contrattuale che rimetta al potere unilaterale del datore di lavoro l’indicazione dei turni con comunicazione annuale, successiva alla sottoscrizione del contratto, sulla base delle esigenze aziendali. Inoltre, quando nel contratto part time manchi la precisa indicazione della collocazione dei turni di lavoro, il giudice è tenuto a provvedervi, come in qualsiasi altro caso in cui manchi l’indicazione “puntuale” dell’orario di lavoro.

Sono questi i principi affermati dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 11333, depositata ieri, 29 aprile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU