ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

TIA per utenze non domestiche in base alla tipologia di attività per unità di superficie

Illegittimo prevedere un’unica tariffa anche se le aree sulle quali viene esercitata l’attività hanno diverse destinazioni d’uso e sono in luoghi diversi

/ Antonio PICCOLO

Martedì, 28 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’applicabilità del previgente tributo TIA alle “utenze non domestiche”, la tariffa andava commisurata alla tipologia di attività per unità di superfice, sicché è illegittima la norma regolamentare secondo cui la tariffa applicabile per ogni utenza non domestica è unica, anche se le superfici che servono per l’esercizio della relativa attività presentano diverse destinazioni d’uso e sono ubicate in luoghi diversi.
Lo si desume dal principio di diritto stabilito dalla Cassazione che, nelle sentenze gemelle nn. 9646/2024 e 9648/2024, si è pronunciata su un tema importante in materia di “tassa sui rifiuti” e inedito, come riconosciuto dalla stessa Corte. Nello specifico, dopo gli esiti negativi dei giudizi di merito, la ricorrente società ha

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU