ACCEDI
Sabato, 13 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Termine «lungo» di sei mesi per i ricorsi notificati dopo il 4 luglio

L’Agenzia delle Entrate individua la decorrenza del nuovo termine «lungo»

/ Alfio CISSELLO

Venerdì, 2 aprile 2010

x
STAMPA

Il nuovo termine “lungo” di sei mesi per l’appello, il ricorso per Cassazione e la revocazione ordinaria si applica ai ricorsi introduttivi notificati successivamente al 4 luglio 2009.
È questo uno dei più interessanti chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 17 del 31 marzo 2010.
La L. 69/2009 ha ridotto il termine “lungo” per l’impugnazione delle sentenze da un anno a sei mesi, e ciò ha immediati riflessi nel sistema processuale tributario, visto che anche in tale modello rituale vige il c.d. “doppio termine” per l’impugnazione.
In altre parole, ove la parte provveda alla notifica della sentenza, il termine per l’appello è di sessanta giorni dalla suddetta notificazione (c.d. termine “breve” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU