X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

No alla ritenuta ridotta se il beneficiario svizzero è esente da imposta

Secondo i Giudici di Pescara, in questo caso non è applicabile la ritenuta convenzionale sulle royalties erogate dall’Italia

/ Salvatore SANNA

Lunedì, 12 aprile 2010

x
STAMPA

Per applicare la ritenuta in misura ridotta del 5% sulle royalties versate ad una società svizzera, è necessario che quest’ultima sia soggetta a tassazione e non che costituisca un soggetto esente dalle imposte elvetiche. È questa l’impostazione che si rinviene dalla sentenza della Commissione provinciale di Pescara del 26 marzo 2010 n. 555.

Le royalties erogate a soggetti non residenti sono, generalmente, assoggettate a ritenuta a titolo d’imposta del 30% (art. 25, comma 4 del DPR 600/73), su una base imponibile che dipende dal titolo a fronte del quale il compenso è stato erogato.
La ritenuta può essere ridotta beneficiando delle norme pattizie contenute nelle Convenzioni internazionali contro le doppie imposizioni, e risulta del tutto esclusa nell’ambito delle royalties ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU