X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

La deducibilità delle perdite su crediti segue il principio di derivazione

/ Duilio LIBURDI

Mercoledì, 2 giugno 2010

x
STAMPA

Laddove si sia raggiunta contezza della definitività della perdita in relazione al fatto che sussistono elementi certi e precisi, di cui all’art. 101, comma 5 del TUIR, si pone il problema di individuare correttamente in quale periodo di imposta la perdita in questione possa essere fatta valere.
In linea di principio, come sostenuto dalla dottrina maggioritaria, deve essere osservato come la norma in materia di deducibilità delle perdite su crediti non possa essere valorizzata a sé stante senza tenere conto di quanto previsto dall’articolo 109 del TUIR. Sulla base di questo presupposto le ipotesi che si possono formulare sono :
- la necessità che la perdita in questione vada computata per competenza nell’esercizio (periodo di imposta) in cui diviene certa ed oggettivamente determinabile ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU