ACCEDI
Sabato, 20 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’avviamento prescinde da eventuali perdite d’esercizio

/ Pamela ALBERTI

Lunedì, 11 luglio 2011

x
STAMPA

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza del 30 giugno 2011 n. 14336), il fatto che l’impresa la cui azienda è stata ceduta abbia subito perdite negli esercizi antecedenti al trasferimento non esclude la sussistenza di valori di avviamento. Più precisamente, ai fini del calcolo dell’avviamento rileva l’ammontare dei ricavi ottenuti dall’azienda e non quello del risultato degli esercizi precedenti.

Nella fattispecie in esame, la C.T. Prov. aveva accolto il ricorso delle società contraenti, che contestavano la tesi dell’Amministrazione finanziaria relativa al calcolo dell’avviamento. Per l’Agenzia, il valore di avviamento avrebbe dovuto essere calcolato come media aritmetica tra valore calcolato con il metodo dell’investimento sostitutivo attualizzato

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU