X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Rischio bancarotta per indebiti rimborsi IVA se non se ne prova la destinazione

Per la Cassazione, la fattispecie è integrata anche se l’indebito rimborso IVA è avvenuto 4 anni prima del fallimento

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 25 ottobre 2011

x
STAMPA

download PDF download PDF

Risponde di bancarotta fraudolenta per distrazione l’amministratore di una società che, quattro anni dopo aver ottenuto un indebito rimborso IVA, vede la stessa fallire e non dà conto al curatore del mancato rinvenimento delle somme così incassate dalla società.
È questo il principio desumibile dalla sentenza 24 ottobre 2011 n. 38342 della Corte di Cassazione.

L’amministratore di diritto di una srl dichiarata fallita il 27 maggio 2003 veniva condannato, sia in primo grado che in appello, per bancarotta fraudolenta per distrazione (ex artt. 216 comma 1, numero 1 e 223, comma 1 del RD 267/42), avendo distratto la somma di 320 milioni delle vecchie lire derivante da un indebito rimborso IVA ottenuto attraverso la falsa dichiarazione di un’eccedenza di imposta detraibile.
Avverso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU