X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Fisco

Pressione fiscale italiana fra le più alte del mondo, la peggiore in Europa

Stando al rapporto «Paying Taxes 2012», il nostro Paese è 170esimo su 183 e appena 133esimo nella classifica per qualità del sistema tributario

/ Rossella QUARANTA

Sabato, 12 novembre 2011

Nel caso ce ne fosse bisogno, l’Italia conferma un pessimo piazzamento nella classifica globale del rapporto Paying Taxes 2012, realizzato dalla Banca Mondiale per misurare la qualità – in termini di semplicità ed efficacia – dei sistemi fiscali di 183 economie. Il nostro Paese peggiora rispetto all’anno scorso, dal 128° al 133° posto complessivo, tenendo conto di tre diverse variabili: il total tax rate (ossia la pressione fiscale percentuale a carico delle imprese), il numero di adempimenti e il tempo necessario per effettuarli (in ore annuali).

Il dato peggiore è proprio quello del total tax rate, che ammonta al 68,5%, suddiviso in tasse sul profitto (22,8%), tasse sul lavoro (43,4%) e altri tributi (2,3%). Si tratta della percentuale in assoluto più alta fra i Paesi dell’Ue ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU