X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nei conferimenti, non c’è una responsabilità esplicita sulle passività

/ Paolo MENEGHETTI

Martedì, 23 ottobre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le imprese in difficoltà spesso valutano il disegno di eseguire operazioni straordinarie anche al fine di sottrarsi, almeno parzialmente, alla responsabilità in merito alle obbligazioni assunte precedentemente, oltre a proteggere, per quanto possibile, una parte del patrimonio aziendale. In questo ambito, non tutte le operazioni presentano gli stessi profili di responsabilità e, più precisamente, vi è una sensibile differenza tra scissione e conferimento d’azienda.

Si rappresenti la situazione di una società che esegue una scissione totale, attribuendo a due beneficiarie preesistenti i rami d’azienda precedentemente gestiti e imputando a ciascuna le passività della scissa. Un medesimo esito può essere raggiunto tramite un doppio conferimento dei rami d’azienda in altrettanto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU