X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Dall’IRDCEC, check list per verificare le misure antiriciclaggio negli studi

Il documento 19 dell’Istituto contiene una serie di «istruzioni» in materia, richiamando le indicazioni operative fornite dalla Guardia di Finanza

/ Annalisa DE VIVO

Martedì, 4 giugno 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La normativa antiriciclaggio per i professionisti non funziona: vi è un’assoluta sproporzione tra gli obblighi ad essi imposti e l’utilità del sistema di prevenzione che ne prevede il coinvolgimento.
È questo l’assunto da cui necessariamente deve muovere qualsiasi tipo di considerazione critica in merito agli adempimenti introdotti per la prima volta dal DLgs. 56/2004 e, successivamente, oltremodo ampliati dal DLgs. 231/2007. Entrambe le norme citate hanno recepito le indicazioni fornite dal legislatore comunitario, rispettivamente con la seconda (2001/97/CE) e la terza (2005/60/CE) direttiva antiriciclaggio, con il risultato che, fin dal 2006, i professionisti sono costretti a fare i conti con obblighi il cui fine ultimo è quello di individuare e segnalare eventuali operazioni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU