X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nello stoccaggio di beni conta il luogo in cui si trova il magazzino

/ Lelio CACCIAPAGLIA e Francesco D'ALFONSO

Mercoledì, 25 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Recentemente, la Corte Ue (causa C-155/12), smentendo l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate fornita con circolare 28/2011, si è pronunciata sull’ipotesi in cui, nell’ambito di una prestazione di deposito, il depositante ha il diritto di utilizzare (ad esempio, di accedervi), in tutto o in parte, una specifica parte dell’immobile e il servizio di stoccaggio fornito costituisce la prestazione principale. In questo caso, secondo la Corte, il servizio di stoccaggio fornito deve considerarsi connesso ad un bene immobile, con la conseguente rilevanza ai fini IVA nel luogo in cui si trova il deposito.

Le operazioni interessate dalla disciplina in questione sono le prestazioni relative a beni immobili, quali i servizi concernenti la costruzione, ristrutturazione, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU