X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con correzione di errori contabili, possibile rimediare sul piano fiscale

La circ. 31 dell’Agenzia ha chiarito che occorre operare una variazione per sterilizzare l’impatto reddituale e presentare una dichiarazione integrativa

/ Michele BANA

Mercoledì, 25 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 31 di ieri, ha fornito la propria interpretazione in ordine al trattamento tributario da applicare nell’ipotesi in cui, nel rispetto delle raccomandazioni fornite dai principi contabili (OIC 29 e IAS 8), il contribuente proceda alla correzione di errori derivanti dalla mancata imputazione di componenti negativi o positivi nel corretto esercizio di competenza, con relativo effetto sul Conto economico, nell’area straordinaria.

I corrispondenti componenti reddituali non possono, tuttavia, assumere, in termini generali, un’immediata rilevanza fiscale: sul punto, l’Agenzia delle Entrate ha comunque chiarito che – coerentemente con i più recenti orientamenti giurisprudenziali (Cass. 1648/2013), nonché con alcuni documenti di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU