X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

I pagamenti parziali alla società fallita non sempre conducono alla bancarotta

La condotta in sé potrebbe anche dipendere da un mero inadempimento contrattuale, ma il giudice di merito deve adeguatamente verificarlo

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 14 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

In relazione alla fattispecie di bancarotta fraudolenta per distrazione, l’incompletezza del pagamento di beni immobili ceduti da una società successivamente fallita, in sé considerata, non è univocamente indicativa di un’operazione preordinata a sottrarle disponibilità, mediante pagamento di un prezzo inferiore al valore dei beni o mediante l’omessa pretesa dell’integrale pagamento del prezzo; è, infatti, anche ipotizzabile che il mancato pagamento, soprattutto se solo parziale, possa essere dovuto ad un mero inadempimento contrattuale dell’acquirente. L’affermazione è resa dalla Suprema Corte nella sentenza 10 ottobre 2013 n. 41887.

Tizio, socio ed amministratore della Alfa srl, cedeva, nel luglio del 2002, alla Beta srl, della quale era socio, taluni beni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU