Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Comunicazioni «black list» senza più codice fiscale della controparte

Nel nuovo modello polivalente il dato non è più richiesto, mentre la partita IVA rimane un dato facoltativo

/ Gianluca ODETTO

Mercoledì, 23 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le istruzioni al “modello di comunicazione polivalente” forniscono un chiarimento importante in merito alle modalità di “identificazione” della controparte estera per le comunicazioni “black list”. Come si ricorderà, infatti, per espressa disposizione di legge nelle comunicazioni deve essere indicato il codice fiscale attribuito a tale soggetto dallo Stato estero ovvero, in mancanza, un altro codice identificativo (come, ad esempio, il numero di iscrizione al Registro delle imprese locale), mentre non viene espressamente menzionata la partita IVA del cliente o fornitore estero.

In presenza di controparti residenti in Stati nei quali non esiste né il codice fiscale, né la partita IVA, la prassi corretta nel modello di comunicazione approvato nel 2010 è, quindi, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU