ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Senza certezze i pagamenti delle parcelle dei professionisti con bancomat

In prossimità dell’entrata in vigore dell’obbligo di POS mancano i decreti attuativi, che non potranno però fugare i dubbi sull’utilità della norma

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 24 ottobre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Dal prossimo 1° gennaio i professionisti “dovrebbero” consentire ai propri clienti il pagamento delle parcelle tramite bancomat (tecnicamente POS ovvero Point Of Sale). “Dovrebbero”, si diceva, dal momento che, pur in assenza di proroghe normative, mancano ancora i prescritti provvedimenti attuativi.

Tutto parte dal DL 18 ottobre 2012 n. 179, recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”, convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012 n. 221. L’art. 15 comma 4 del citato DL dispone: “A decorrere dal 1° gennaio 2014, i soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito. Sono in ogni ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU