X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Fuoriuscita dal consolidato in autunno con acconto «salato»

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 22 novembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con l’art. 124 del TUIR, il legislatore è intervenuto a regolare alcuni rapporti intercorrenti tra le società che hanno aderito al consolidato fiscale e per le quali, a seguito del verificarsi di determinate fattispecie, viene meno l’efficacia dell’esercizio dell’opzione. In particolare, è interessante analizzare le disposizioni dettate in relazione al versamento degli acconti IRES.

In primo luogo, occorre considerare che sia l’ente o società controllante che le società controllate che escono dal consolidato devono rideterminare, sulla base del proprio reddito imponibile, l’eventuale maggior acconto dovuto e devono effettuare un versamento integrativo entro 30 giorni dalla data in cui si verifica l’interruzione dell’opzione.
Infatti, in tale circostanza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU