ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Agenzie di viaggio «intermediarie», base imponibile IVA non ridotta da sconti

Per la Corte UE, non c’è riduzione se l’agenzia interviene solo come intermediario e il tour operator non è a capo di una catena di operazioni

/ Vincenzo CRISTIANO

Venerdì, 17 gennaio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di giustizia, con sentenza di ieri, 16 gennaio 2014, causa C-300/12 (Ibero Tours Gmgh), analizza la disciplina IVA relativa al comparto delle agenzie di viaggi e, in particolare, la determinazione della base imponibile delle prestazioni di servizi fornite nell’ambito dell’attività di intermediazione prestata.

La vicenda sottoposta all’esame di giudici comunitari prende le mosse da una società, attiva nel settore dei viaggi che, in qualità di intermediario, fornisce prestazioni di servizi, in parte esenti e in parte soggette a imposta, sul territorio tedesco. Nell’ambito delle operazioni tassate, la società, sempre in qualità di intermediario, offre servizi di viaggio fornite ai clienti dai tour operator e soggette al regime particolare di cui all’art. 26 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU