X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

IMPRESA

Il giudizio abbreviato «condizionato» attenua la condanna per reati tributari

Solo l’opzione per questa tipologia di rito alternativo consente l’attenuante del pagamento del debito tributario dopo l’ammissione

/ Ciro SANTORIELLO

Mercoledì, 19 febbraio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In base all’art. 13, comma 1 del DLgs. n. 74/2000, il contribuente che – tratto a giudizio per una violazione tributaria a rilievo penale – estingua il debito erariale mediante il pagamento del dovuto, gode di un rilevante beneficio in termini di trattamento sanzionatorio, nel senso che le pene applicabili per l’illecito sono diminuite fino ad un terzo e non si applicano le pene accessorie.

La medesima norma, tuttavia, pone un termine di decadenza per l’effettuazione del pagamento, da individuarsi nel momento che precede l’apertura del dibattimento. La ragione per cui è previsto tale momento di “sbarramento” – peraltro in maniera analoga a quanto previsto per la circostanza attenuante del risarcimento del danno nei reati contro la persona – è facilmente intuibile: ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU