X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Alle Sezioni Unite la connessione tra emissione e utilizzazione di fatture false

Da risolvere il conflitto sulla necessità o meno di identità soggettiva tra autori del reato-mezzo e del reato-fine

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 24 aprile 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’individuazione del giudice territorialmente competente in materia di reati tributari occorre prendere in considerazione, innanzitutto, gli artt. 8 c.p.p. e 18 del DLgs. 74/2000. In base alla prima disposizione, la competenza per territorio è determinata dal luogo in cui il reato è stato consumato. La norma penale tributaria, inoltre, stabilisce che se la competenza per territorio per i delitti previsti dal DLgs. 74/2000 non può essere determinata a norma dell’art. 8 c.p.p., è competente il giudice del luogo di accertamento del reato. Per i delitti previsti dal Capo I del Titolo II del DLgs. 74/2000 (delitti in materia di dichiarazioni) il reato si considera consumato nel luogo in cui il contribuente ha il domicilio fiscale.

Ai sensi dell’art. 12 lett. c) c.p.p., ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU