X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Delega fiscale e riduzione delle sanzioni all’esame del «favor rei»

Per beneficiare del favor rei, l’atto di contestazione non deve essere definitivo, posto che ciò inibisce l’applicazione della legge più favorevole

/ Alfio CISSELLO

Mercoledì, 7 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La L. 23 del 2014 ha delegato l’Esecutivo all’adozione di diversi decreti legislativi tesi a modificare varie parti del sistema tributario (per un’analisi completa delle direttive, si veda la relativa Scheda Eutekne).
Nello specifico, all’art. 6 si prevede, tra l’altro, di armonizzare le diverse rateazioni delle somme derivanti dagli istituti deflativi del contenzioso a favore del contribuente, prevedendo altresì una complessiva riduzione delle sanzioni amministrative, specie in caso di lievi ritardi.

Si evidenzia che, nella dilazione degli avvisi bonari (art. 3-bis del DLgs. 462/97), il tardivo pagamento di una rata oltre il trimestre comporta il disconoscimento della definizione e dà luogo all’ordinaria sanzione del 30% commisurata alla rata versata in ritardo. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU