Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

FISCO

Definizione delle liti possibile anche con ricorsi inammissibili

Se il diniego sopravviene in pendenza del termine per impugnare, non è obbligatorio ricorrere contro la sentenza

/ Alfio CISSELLO

Martedì, 20 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le recenti sentenze 566/4/14 e 567/4/14 del 2014, emesse entrambe dalla Commissione tributaria provinciale di Brindisi, affrontano due aspetti relativi alla definizione delle liti pendenti introdotta dall’art. 39 del DL 98/2011.
Rammentiamo che ai sensi dell’art. 39 comma 12 del DL 98/2011, il contribuente avrebbe potuto definire le liti pendenti alla data del 31 dicembre 2011 se riguardanti processi in cui era parte l’Agenzia delle Entrate di valore non superiore a 20.000 euro.

A tal fine, entro il 2 aprile 2012 sarebbe stato necessario eseguire i versamenti relativi alla definizione, la cui entità, come sancito dall’art. 16 della L. 289/2002, era parametrata all’andamento nonché al valore della causa.
Entro il 30 settembre 2012, l’Agenzia delle Entrate ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU