X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Per i reati fiscali dichiarativi vale la «sede effettiva»

La Cassazione esamina la determinazione della competenza per territorio nei reati tributari

/ Stefano COMELLINI

Martedì, 20 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La determinazione della competenza per territorio nei reati tributari è l’argomento di rilievo di due sentenze della Cassazione, le nn. 20504 e 20505, entrambe depositate ieri.
In via preliminare, e con riferimento alla prima delle due pronunce, pare utile ricordare che l’art. 18 del DLgs. 74/2000 prevede (comma 2) che il reato tributario da dichiarazione si considera consumato nel luogo in cui il contribuente ha il domicilio fiscale; qualora questo sia all’estero, la competenza sarà del giudice del luogo di accertamento del reato.

La ratio dell’art. 18, comma 2 si ritrova nell’esigenza di impedire che, con riferimento alla condotta di trasmissione dei dati dichiarativi in via telematica, il contribuente possa scegliersi il giudice competente, optando per il soggetto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU