X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Valore determinato per il registro «spendibile» nel redditometro

La Cassazione conferma i propri precedenti, ribadendo però che il contribuente può sempre fornire la prova contraria

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 5 giugno 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sia nel “vecchio” che nel “nuovo” redditometro, l’accertamento può essere fondato sugli incrementi patrimoniali, anche se, come noto, mutano le modalità di determinazione del reddito.
Infatti, per gli accertamenti fino all’annualità 2008, la spesa patrimoniale si presume sostenuta con redditi conseguiti, per quote costanti, nell’anno della sua effettuazione e nei quattro precedenti.

Invece, dal 2009 in poi, l’incremento patrimoniale viene attribuito per intero nell’anno del sostenimento della spesa, ma è valutato al netto del mutuo ottenuto per l’acquisto (se si tratta di immobile) e al netto dei disinvestimenti effettuati nell’anno e dei disinvestimenti netti dei quattro anni precedenti.

Tanto detto, la Corte di Cassazione, con ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU