X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Condanna «pesante» alle spese se non c’è autotutela

/ Alfio CISSELLO

Giovedì, 17 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per effetto della riforma dell’art. 96 del codice di procedura civile ad opera della L. 69/2009, il giudice, “in ogni caso”, quando condanna la parte alla rifusione delle spese processuali a norma dell’art. 91, “anche d’ufficio, può altresì condannare la parte soccombente al pagamento, a favore della controparte, di una somma equitativamente determinata”.
Tale norma è applicabile pure nel processo tributario in virtù del rinvio di cui all’art. 1 del DLgs. 546/92, e ciò trova conferma nella prassi ufficiale (circ. Agenzia delle Entrate 31 marzo 2010 n. 17 § 2.9).

In sostanza, grazie al terzo comma dell’art. 96 è possibile chiedere al giudice di condannare la parte soccombente ad una sorta di “risarcimento equitativo”, ove le scorrettezze ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU