ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Chiariti i limiti al contratto a termine per le attività avviate in corso d’anno

Si deve aver riguardo al numero di rapporti di lavoro a tempo indeterminato in forza alla data d’instaurazione del primo rapporto a termine

/ Francesca TOSCO

Mercoledì, 10 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Ministero del Lavoro, con la nota n. 14974/2014, torna ad occuparsi dei limiti quantitativi alla stipula di contratti di lavoro a tempo determinato, chiarendo che, nei casi in cui il datore di lavoro inizi la propria attività durante l’anno, la verifica del rispetto della prescritta “proporzione” tra lavoratori “stabili” e lavoratori a termine può essere effettuata seguendo il criterio indicato dalla precedente circ. n. 18/2014 – ossia avendo riguardo al numero di rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato in forza alla data di instaurazione del primo rapporto a termine – non soltanto quando manchi del tutto una diversa disciplina contrattuale, ma anche quando il contratto collettivo di riferimento, pur fissando, in deroga alla legge, un tetto ai contratti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU