Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per l’attestato di qualificazione, verifica «antimafia» anche sui sindaci

Il controllo da parte delle SOA dell’assenza di cause ostative deve essere estesa anche ai soggetti ex art. 85 comma 2-bis del Codice antimafia

/ Stefano COMELLINI

Venerdì, 26 settembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la determina 2 settembre 2014 n. 2, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 223 di ieri, l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha fornito articolate indicazioni sul coordinamento dell’art. 38, comma 1, lett. b) del DLgs. n. 163/2006 (Codice dei contratti pubblici) con le successive disposizioni del DLgs. n. 159/2011 (c.d. Codice antimafia). In particolare, la disposizione contempla i “requisiti di ordine generale” per la partecipazione alle procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi, di subappalti e per la stipula dei relativi contratti.

Per l’ANAC – che, ex art. 19, comma 2 del DL n. 90/2014, ha assunto i compiti e le funzioni della soppressa Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU