X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Compenso dei sindaci da definire con delibera assembleare

Ciò se l’ammontare del compenso non risulta nell’atto costitutivo; in assenza anche della delibera, è il giudice a dover procedere alla sua determinazione

/ Annalisa DE VIVO

Martedì, 28 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In assenza di un’apposita previsione statutaria, la definizione del compenso dei sindaci deve essere oggetto di delibera societaria ex art. 2402 c.c.; ove ciò non avvenga, alla relativa determinazione può procedere, ai sensi dell’art. 2233 c.c., il giudice che ne sia richiesto. È questa, in breve, l’indicazione che emerge dalla sentenza della n. 22761 della Suprema Corte, depositata ieri, avente a oggetto il contenzioso tra una società per azioni e un componente del collegio sindacale svolgente la professione di avvocato.

Il contenzioso muove dall’opposizione della società al decreto ingiuntivo emesso dal pretore, che condannava la stessa a pagare al professionista la somma di 4.209,12 euro. Detta somma era stata calcolata sulla base delle tariffe professionali all’epoca ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU