X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La Cassazione boccia le motivazioni sommarie

Cancellata la tesi della provocatio ad opponendum in quanto la motivazione si «cristallizza» con l’emanazione dell’atto

/ Alessandro BORGOGLIO

Martedì, 28 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La recente sentenza n. 22003/2014, al di là del merito della pretesa esaminata, pone in evidenza il tema della natura dell’avviso di accertamento e della funzione della sua motivazione. La questione, che parrebbe squisitamente teorica, riserva invero dei riflessi operativi di estrema rilevanza.

La Suprema Corte, in passato ed in certa misura anche in tempi recenti, ha ampiamente condiviso la tesi per cui l’avviso di accertamento costituisce una provocatio ad opponendum, dovendo perciò la sua motivazione soltanto recare l’indicazione dei fatti astrattamente giustificativi della pretesa erariale, che consentano di delimitare l’ambito delle ragioni adducibili dall’Ufficio nell’eventuale successiva fase contenziosa, restando poi affidate al giudizio d’impugnazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU