X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Deviando i corrispettivi c’è dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici

La causa di non punibilità correlata allo Scudo fiscale-ter è inoltre applicabile anche a reati commessi prima del trasferimento di denaro all’estero

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 3 dicembre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Integra la fattispecie di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici (art. 3 del DLgs. 74/2000) l’amministratore di una società che, supportato dal direttore di una filiale bancaria, “devia” dal conto corrente societario a quello di una fiduciaria – acceso presso la stessa filiale ed avente come fiduciante la propria figlia – una consistente parte dei bonifici relativi ai corrispettivi derivanti dalle prestazioni rese in favore di una cliente, così omettendo di annotare nelle relative scritture contabili e, successivamente, di indicare in dichiarazione elementi attivi per importi rilevanti (circa 1.800.000 euro). È questo il principio desumibile dalla sentenza n. 50308 della Cassazione, depositata ieri.

Ai sensi dell’art. 3 del DLgs. 74/2000, fuori dei casi previsti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU