X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Contro le insolvenze clausola del solve et repete

/ Andrea BUGAMELLI

Venerdì, 9 gennaio 2015

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sono all’ordine del giorno le difficoltà per le imprese nel riscuotere i crediti vantati verso i propri clienti; tali difficoltà si delineano nei due passaggi del processo di merito, necessario a conseguire il titolo esecutivo, e nel successivo processo esecutivo diretto all’aggressione dei beni del debitore.

La fase più critica è certamente quella del processo di merito nel quale il debitore cercherà di sottrarsi alla condanna con ogni possibile eccezione e difesa (a titolo esemplificativo vizi e difetti delle merci, inadempimenti, ritardi nelle consegne, risarcimento di danni da opporre in compensazione, eccetera), magari con finalità meramente defatigatoria.
Per ridurre il rischio di trovarsi impantanata nel processo, l’impresa creditrice può avvalersi di molteplici strumenti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU